Loghi-2016
!!! IL CENTRO STUDI L’ARCA AUGURA A TUTTI BUONE FESTE E FELICE ANNO NUOVO!!! CORSI IN PARTENZA A GENNAIO 2015: FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER ADDETTO AL PRONTO SOCCORSO IN AZIENDE DI GRUPPO B, C  -  AGGIORNAMENTO PER GLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO  – FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITA’ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO/MEDIO  -  AGGIORNAMENTO PER GLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO  -  ACCONCIATORE (ADDETTO)  –  FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER IL COMMERCIO E LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE  -  CORSI PER ALIMENTARISTI (EX H.A.C.C.P.)

SICUREZZA: Accordo Stato Regioni 07.07.2016 – Nuove disposizioni in materia di formazione per R.S.P.P. e A.S.P.P.

Il nuovo Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016
La nuova articolazione del percorso formativo per R.S.P.P. e A.S.P.P.

Accordo tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano finalizzato alla individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per i responsabili e gli addetti dei servizi di prevenzione e protezione, ai sensi dell’articolo 32 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modificazioni. (LAVORO E POLITICHE SOCIALI)SCHEMA ALESSANDRO(Cliccare sull’immagine per ingrandirla)

Modulo A
ll Modulo A costituisce il corso base per lo svolgimento della funzione di RSPP e di ASPP.
La durata complessiva e di 28 ore, escluse le Verifiche di apprendimento finali.
II Modulo A e propedeutico per l’accesso agli altri moduli. ll suo superamento consente l’accesso a tutti i percorsi formativi.
E consentito I’utilizzo della modalità e-/learning secondo i criteri previsti nell’allegato Il del presente Accordo.
ll Modulo A consente ai responsabili e agli addetti dei servizi di prevenzione e protezione di essere in grado di conoscere:
- la normativa generale e specifica in tema di salute e sicurezza e gli strumenti per garantire un adeguato approfondimento e aggiornamento in funzione della continua evoluzione della stessa;
- tutti i soggetti del sistema di prevenzione aziendale, i Ioro compiti e le responsabilità;
- le funzioni svolte dal sistema istituzionale pubblico e dai vari enti preposti alla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro;
- I principali rischi trattati dal d.lgs. n. 81/2008 e individuare le misure di prevenzione e protezione nonché le modalità per la gestione delle emergenze;
- gli obblighi di informazione, formazione e addestramento nei confronti dei soggetti del sistema di prevenzione aziendale;
- i concetti di pericolo, rischio, danno, prevenzione e protezione;
- gli elementi metodologici per la valutazione del rischio.

Modulo B
ll Modulo B e il corso correlato alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attivita lavorative.
Come il Modulo A anche il Modulo B é necessario per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP.
L’articolazione degli argomenti formativi e delle aree tematiche del Modulo B e strutturata prevedendo un Modulo comune a tutti i settori produttivi della durata di 48 ore.
ll suddetto Modulo B comune e esaustivo per tutti i settori produttivi ad eccezione di quattro per i quali il percorso deve essere integrato con la frequenza dei moduli di specializzazione indicati nella tabella sotto riportata. ll Modulo B comune é propedeutico per l’accesso ai moduli di specializzazione.
Le durata dei corsi non comprende le verifiche di apprendimento finali.

moduli specializzazione(Cliccare sull’immagine per ingrandirla)

Modulo C
Il Modulo C è il corso di specializzazione per le sole funzioni di R.S.P.P.
La durata complessiva e di 24 ore escluse le verifiche di apprendimento finali
ll modulo C consente ai responsabili dei servizi di prevenzione e protezione di acquisire Ie conoscenze/abilita relazionali e gestionali per:
- progettare e gestire processi formativi in riferimento al contesto lavorativo e alla valutazione dei rischi, anche per la diffusione della cultura alla salute e sicurezza e del benessere organizzativo;
- pianificare, gestire e controllare le misure tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza aziendali attraverso sistemi di gestione della sicurezza;
- utilizzare forme di comunicazione adeguate a favorire la partecipazione e la collaborazione dei vari soggetti del sistema.

RICONOSCIMENTO FORMAZIONE PREGRESSA (EX ACCORDO STATO-REGIONI DEL 26 GENNAIO 2006) RISPETTO ALLA NUOVA ARTICOLAZIONE DEL MODULO B.
Sono fatti salvi i percorsi formativi effettuati in vigenza dell’accordo Stato-Regioni del 26 gennaio 2006, pertanto gli RSPP e ASPP che non cambiano settore produttivo e continuano ad operare esclusivamente all’interno di esso non dovranno integrare il proprio percorso formativo per adeguarsi alle previsioni del presente accordo.
Si riporta di seguito la tabella di corrispondenza ai fini del riconoscimento dei crediti formativi ovvero delle ulteriori ore integrative previste esclusivamente in caso di passaggio ad altro settore produttivo.

riconoscimento formazione pregressa(Cliccare sull’immagine per ingrandirla)

ln fase di prima applicazione e per un periodo non superiore a 5 anni dall’entrata in vigore del presente accordo, la frequenza del Modulo B comune o di uno o più Moduli B di specializzazione, può essere riconosciuta ai fini dell’ dell’obbligo di aggiornamento, degli RSPP e ASPP formati ai sensi dell’accordo Stato-Regioni del 26 gennaio 2006.

AGGIORNAMENTO
L’aggiornamento verterà sulle seguenti tematiche:
- aspetti giuridico-normativi e tecnico-organizzativi;
- sistemi di gestione e processi organizzativi;
- fonti di rischio specifiche dell’attività lavorativa o del settore produttivo dove viene esercitato il ruolo compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, quelli collegati allo stress lavoro-correlato, quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, nonché quelli connessi alle differenze di genere, all’età, alla provenienza da altri Paesi e quelli connessi alla specifica tipologia contrattuale attraverso cui viene resa la prestazione di lavoro;
- tecniche di comunicazione, volte all’informazione e formazione dei lavoratori in tema di promozione della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.
Le ore minime complessive dell’aggiornamento sono fissate in base al ruolo svolto e sono rispettivamente:
- ASPP: 20 ore nel quinquennio
- RSPP: 40 ore nel quinquennio

E preferibile che il monte ore complessivo di aggiornamento sia distribuito nell’arco temporale del quinquennio. Importante novità è costituita dal fatto che il 50% delle ore di aggiornamento può essere ottemperato anche per mezzo di partecipazione a convegni o seminari che, ovviamente, devono avere contenuti coerenti con le tematiche previste:
- ASPP: 10 ore.
- RSPP: 20 ore.

Decorrenza dell’aggiornamento
L’aggiornamento ha decorrenza quinquennale e deve essere calcolato dalla data di conclusione del Modulo B comune. Per coloro che sono esonerati dal Modulo B l’obbligo di aggiornamento decorre:
- dalla data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 81/2008 e cioè dal 15 maggio 2008;
- dalla data di conseguimento della laurea, se avvenuta dopo il 15 maggio 2008.
Qualora i RSPP e ASPP non completino l’aggiornamento entro il quinquennio non possono esercitare le loro funzioni. Dovranno completare l’aggiornamento per il monte ore richiesto e, al raggiungimento, potranno tornare ad esercitare la funzione sospesa. Il quinquennio successivo decorre, naturalmente, dalla scadenza precedente.
I RSPP e ASPP potranno completare l’aggiornamento del quinquennio precedente utilizzando le regole previste dall’Accordo. Ad esempio per tutti coloro il cui quinquennio scadeva nel 2011 l’aggiornamento potrà essere rispettivamente di 40 o 20 ore complessive (viene abolito l’aggiornamento di 40, 60, 100 e 28 ore).

Accordo Stato-Regioni 07.07.2016 – Testo Ufficiale

All. I – Accordo Stato-Regioni 07.07.2016 – Elenco delle classi di Laurea per l’esonero della frequenza ai corsi di formazione (art. 32, comma 2, T.U. 81/2008)

All. III – Accordo Stato-Regioni 07.07.2016 – Crediti formativi

All. V – Accordo Stato-Regioni 07.07.2016 – Tabella riassuntiva criteri formativi

Tabella formazione Modulo B – Raccordo Accordo Stato-Regioni 2006-2016